NAXOS

UN’ AUTONOMA ISOLA NELLE CICLADI

Luna d'idiota sull'isola di Naxos, Cicladi

Lunghe spiagge e torri medievali, valli attraenti, alte montagne … e deliziosi prodotti locali


Benvenuto nella più grande isola delle Cicladi, Naxos. Così fertile, è autosufficiente. Qui troverai un sacco di storia, rovine di ogni epoca, un caleidoscopio di paesaggi, gente amichevole e cibo meraviglioso nella parte più bella dell’Egeo.

Entrando nel porto, sarai accolto dall’antica Portara – l’imponente portale di marmo identico al logo del National Geographic – e dalla vista del castello medievale sopra la città. Nell’entroterra, troverai villaggi medievali isolati, non toccati dal tempo, come Tripodes, Filoti, Halki e Apeiranthos, che ti invitano ad esplorare la loro bellezza. Troverai il monte Zas (altro nome di Zeus), verdi vallate, numerosi monasteri, chiese venerabili e alte torri come la Torre di Bazeos. Costruita nel 17o secolo, la torre aveva funzionato come un monastero della Vera Croce (Timios Stavros) per decenni.

Oggi ospita una vasta gamma di attività culturali, come il Festival di Naxos. Se adori il sole, l’infinita distesa di spiagge sabbiose di Naxos ti renderà estremamente felice durante le tue vacanze. E se sei anche lontanamente interessato alle antichità e alla cultura, sii sicuro, vedrai i due giganteschi Kouros – statue di giovani uomini – sdraiati allo scoperto.


Cosa fare a Naxos


La Hora di Naxos
Tracce di molte civiltà passate arricchiscono Hora, la città principale dell’isola. La più ovvia è la gigantesca Portara, tutto quello che rimane di un enorme tempio ad Apollo che non fu mai completato. L’eredità dei Veneziani e dei Franchi, nobili che conquistarono le isole e la terraferma greca come bottino della quarta crociata, è a più livelli. Cammina attraverso gli stretti vicoli nella parte più antica della città e fino alla fortezza e penserai di essere tornato nel Medioevo. Di ritorno sul lungomare, invece di un caffè, potresti provare un kitro, un liquore di Naxos a base di Cedro.

I Kouros giganti
Le sculture più imponenti di Naxos si trovano all’aria aperta. Sono una delle attrazioni più popolari dell’isola. Statue colossali di giovani uomini – i Kouros arcaici –rifinite a metà, hanno riposano per secoli allo stesso punto, uno in un giardino a Melanes, l’altro affacciato sulla costa ad Apollona. Distesi, come se aspettassero, che i loro creatori tornassero a finire il lavoro.

Un viaggio culinario
I buongustai adoreranno Naxos. Con i suoi straordinari prodotti locali diventa un tesoro sconosciuto per i gastronomi. Per prima cosa, prova i formaggi di Naxos, molto apprezzati dai greci, come graviera (simile alla groviera), kefalotiri chiamato arseniko (maschile). Secondo, ordina delle patate, preferibilmente fritte. Il loro gusto e consistenza superlativa provengono dallo scisto sabbioso ricco di potassio dell’isola. Potresti scoprire che ti piacciono così tanto, ne ordinerai ancora per dessert! Quindi, per terminare il pasto, prendi un bicchiere di kitro, un liquore distillato dalle foglie del cedro (citrus medica), disponibile in tre versioni, verde, giallo e trasparente.

Un villaggio cretese tra le montagne di Naxos
Apeiranthos, o T’Aperathou, è un gioiello tra i villaggi di montagna dell’isola. Più di dieci secoli sono passati senza modifiche sostanziali alle sue case, strade acciottolate, accenti, costumi e abitudini quotidiane. I locali parlano ancora greco nell’ idiomatico linguaggio dei loro antenati cretesi, stabilitisi nel villaggio secoli fa. Senza dubbio non avrebbero avuto problemi a riconoscere i vicoli lastricati di marmo, gli archi a volta, le torri veneziane e le case di pietra a due piani. Siediti in uno dei vecchi kafeneion (bar) e bevi un po‘ di questa civiltà incontaminata.


Immagini di Naxos



Le gemme nascoste di Naxos


La valle della Tragaia
Assicurati di venire in questa splendida valle fertile. Beata dalla natura, ospita anche 12 deliziosi villaggi e oltre 30 tra le più importanti chiese bizantine del Mar Egeo, a cominciare da Panaghià Drosiani del 6o secolo, la più antica.

La montagna di Zeus
Il monte Zas, il più alto delle Cicladi, prende il nome dal re dell'Olimpo. La leggenda locale sostiene che fosse nato in un'enorme caverna. Il sentiero di ciottoli inizia da Filoti.

Il paradiso dei windsurfisti sulla spiaggia di Mikri Vigla
I venti sulla spiaggia di Mikri Vigla soffiano continuamente e costantemente. Ma da quando il vento e i kite-surfers l’ hanno scoperta, le loro vele fanno più rumore del vento stesso. E le loro urla ancora più forti di eccitazione possono essere sentite a miglia di distanza.


SUGGERIMENTI
THE IRRESISTIBLE PULL OF NAXOS by Maria Petropoulou

"A picturesque hamlet at the foot of Mt Fanari, it stands out for its staunchly traditional character. Wander its narrow streets, discover its special corners and admire its architecture."


Read the Blog >