PATMOS

UNA RIVELAZIONE DI ISOLA CON UN TOCCO DI DIVINO

La Hora di Patmos dall'alto

Abbandonati al misticismo e alla tranquillità dell'isola di Apocalisse.


Grandezza e serenità. Questo è quello che senti quando entri nelle strade di Hora e del monastero. Per molti anni, durante la Pasqua ortodossa e per tutta l'estate, Patmos è stata frequentata da intellettuali, artisti, famiglie reali e celebrità di tutto il mondo. Piccola e appartata ma allo stesso tempo spettacolare, è l'isola di Apocalisse, "La Gerusalemme dell'Egeo", e ha una profonda relazione con la religione.

Le esperienze mistiche ti attendono qui nel Dodecaneso: la grotta oscura dove San Giovanni il Teologo scrisse il libro dell'Apocalisse, il Monastero di San Giovanni il Teologo e le labirintiche strade di Hora con le loro imponenti case aristocratiche. Visita e scopri un'isola-monumento che l'Unesco ha dichiarato patrimonio dell'umanità.


Cosa fare a Patmos


La Grotta dell'Apocalisse
Si ritiene che questa sacra grotta illuminata a lume di candela sia il luogo in cui San Giovanni il Teologo ricevette le sue visioni da Cristo e scrisse il Libro dell'Apocalisse, l'ultimo capitolo della Bibbia cristiana. Esiliato a Patmos nel 95 d.C., predicò, battezzò e pregò con gli abitanti dell'isola. Alla fine, Patmos venne considerata sacra e la grotta divenne il punto focale di un significativo pellegrinaggio religioso.

Accanto alla pietà
In alto sulla collina sopra Hora, il Monastero di San Giovanni il Teologo è un importante centro di culto. Questo monastero, con la sua significativa storia religiosa e l'imponente architettura, si erge maestoso sull'Egeo e domina la vita di Patmos. La comunità monastica qui esiste da oltre 900 anni e le reliquie, i documenti rari, le icone e altri tesori ortodossi nel monastero sono inestimabili.

Fu fondato nel 1088 dal monaco bizantino Sacro Christodoulos il Beato. Ogni Pasqua, nella notte della Resurrezione, la Santa Luce si fa strada da Gerusalemme a Patmos. Allo stesso modo, il Giovedì Santo, il servizio ecclesiastico di Niptiros - che si svolge solo a Patmos e a Gerusalemme - è un evento che non manca mai di ispirare.

Hora perfetta
Signori feudali, ricchi mercanti e capitani dal 16o al 19o secolo hanno lasciato il segno su Hora. Non è difficile capire perché è considerata una delle città più maestose dell'isola nell'Egeo. Camminando all'ombra degli imponenti edifici con caratteristiche gotiche e neoclassiche, passi sotto i portici e gli archi, sali in vicoli che si adattano a malapena a due persone.

Se chiedi di vedere i luoghi e le case signorili di Vardikou, Palaiologou, Valvi, Foundi (di Leonton), sarai trasportato in un'altra epoca. Al palazzo Nikolaidi, che è stato trasformato in un museo eccezionale, troverai una rappresentazione di una casa tradizionale di Patmos, ma anche molte reperti archeologici.

Kalikatsou: solida come una roccia
Questa enorme roccia sporge dall'acqua e sembra una scultura nel mare. È un sito archeologico rilevante. I ricercatori ritengono che un tempo fosse un tempio di Afrodite e continuò ad essere un luogo di culto anche nell'era cristiana. Sali a guardare l'intaglio nella roccia, i serbatoi d'acqua per i rituali sacri e le piccole grotte dove venivano lasciate le offerte. La vista dall'alto è mozzafiato, mentre il Mar Egeo si apre ai tuoi piedi.


Immagini di Kastelorizo



Le gemme nascoste di Patmos


 ‘’Kathismata’’
Queste piccole unità monastiche nelle caverne furono create dai monaci. Accanto ai loro eremi, furono costruiti anche dei piccoli templi.

Salita a Prophiti Elia
Scopri la vista dal punto più alto dell'isola. Ovunque, intorno a te ci sono grotte e grandi rocce sparse come se fossero lanciate dall'alto; in lontananza è la presenza rassicurante del grande mare blu dell'Egeo.

Un percorso storico
Vale la pena di fare una passeggiata sulla strada di Aporthianò. Questo antico sentiero unisce Hora al porto Skala.